Pubblicato il Catalogo Vacanze Studio 2023!
Webinar su Bando INPSieme: Registrazione Integrale

Vacanze Studio in Francia

Guida definitiva 2023

Studiare in Francia e imparare il francese a Parigi è un’esperienza indimenticabile per gli studenti che vogliono affrontare un periodo di scuola all’estero o trascorrere delle piacevoli e istruttive vacanze studio estive fuori dall’Italia (magari sfruttando i contributi offerti dal Bando Estate INPSieme).

Vediamo insieme gli aspetti più interessanti della Francia per conoscere meglio il Paese, le persone, la natura, le attrazioni, il cibo, le tradizioni… e godersi al massimo un soggiorno studio in Francia o un periodo di studio all’estero come Exchange Student (grazie all’High School Program).

Indice dei Contenuti

Francia: CURIOSITÀ imperdibili

Curiosità sulla Francia

La Francia è il più grande paese dell’Unione Europea. Un primato detenuto grazie ad una superficie di 551.000 chilometri quadrati.

È il paese più visitato al mondo con 87 milioni di turisti accolti ogni anno. Al secondo e al terzo posto figurano la Spagna e gli Stati Uniti, mentre l’Italia si piazza quinta, con 58 milioni di turisti l’anno.

Non c’è che l’imbarazzo della scelta tra ristoranti, bistrot e café. Parigi poi, è seconda al mondo per il maggior numero di ristoranti premiati con la stella Michelin.

È vietato chiamare un maiale Napoleone. Questa bizzarra legge fu varata con lo scopo di non danneggiare l’immagine dell’imperatore, che si dice fosse molto suscettibile. Siccome l’animale godeva e gode tutt’oggi di cattiva fama, perchè ritenuto volgare e poco pulito, fu introdotta questa legge per impedire di legarne l’immagine a quella dell’imperatore.

Ci sono più persone che parlano francese in Africa che in Francia. I paesi africani francofoni, infatti, raggiungono un totale di 392 milioni di persone.

La festa nazionale più importante è il giorno della Presa della Bastiglia. Il 14 luglio in Francia è una giornata speciale che celebra la data in cui i parigini si ribellarono, segnando l’inizio della Rivoluzione francese. A Parigi, sugli Champs-Elysées, si svolge la parata militare davanti alle più alte cariche dello Stato, tra cui il presidente della Repubblica Francese, e altri ospiti stranieri. Il corteo sfila dall’Arco di Trionfo in direzione della Place de la Concorde.

In tutta la città di Parigi non esiste neanche un cartello di STOP. L’ultimo è stato rimosso nel 2012 e si trovava sulla banchina di Saint-Exupéry.

È stato il primo paese al mondo ad introdurre le targhe per le automobili.

I francesi obbligarono Hitler a prendere le scale invece dell’ascensore per salire in cima alla Torre Eiffel. Gli addetti alla manutenzione tagliarono volontariamente i cavi dell’ascensore prima del suo arrivo per impedirne il funzionamento.

Lo champagne, le “bollicine” più famose del mondo, viene prodotto solo nella regione di Champagne. Fuori dalla regione, si parla di “mousseux”, i nostri spumanti.

COSA SI MANGIA in Francia

Cosa si mangia in Francia

Per colazione, i francesi bevono caffé, té, cioccolata calda o un succo di frutta. Lo accompagnano generalmente con pane e burro, croissant o brioche alla marmellata di ogni genere.

A pranzo, il pasto tipico si compone di un’entrata (insalate o affettati), piatto principale, un formaggio (camembert, brie, chèvre..) e/o un dessert ( di solito una frutta o un piccolo pasticcino). Quando sono a lavoro, la maggior parte dei Francesi mangia in mensa o si accontenta di un’insalata, un panino o un piatto caldo da asporto, magari in uno di questi café e bistrot storici.

A merenda i bambini mangiano un pain au chocolat, delle tartine di burro con marmellata o dei biscotti accompagnati da succo di frutta.

I francesi cenano verso le 20 con una zuppa in inverno o un piccolo antipasto in estate, seguito da un piatto principale, un po’ di formaggio e frutta.

10 PIATTI TIPICI francesi

piatti tipici francesi

1) Omelette: qualcosa che è più di una semplice frittata. Uova, formaggi e ulteriori ingredienti a scelta, sanno, infatti, produrre un qualcosa di speciale.

2) Escargot: un piatto gustoso a base di lumache, insaporito con prezzemolo e burro. Da veri gourmet.

3) Ostriche: un piatto tipico a Parigi, proposto da moltissimi ristoranti.

4) Soupe à l’Oignon: la zuppa di cipolle, un piatto tipico e delizioso che si può trovare in tutti i bistrot.

5) Quiche: un piatto gustoso e scenografico che assomiglia molto ad una torta salata, presentato in innumerevoli varianti.

6) Foie Gras: può essere di anatra o di oca, è uno dei cibi più francesi che si possano degustare.

7) Boeuf Bourguignon: a prima vista potrebbe sembrare come se fosse uno stufato di carne. Ma, se lo si assaggia, ci si rende immediatamente conto che è molto di più.

8) Galette Bretonne: crepe salata preparata utilizzando il grano saraceno, farcita con formaggi, verdura oppure carne.

9) Ratatouille: in Provenza è considerato il piatto della nonna per eccellenza. È talmente delizioso che oggi la maggior parte dei ristoranti lo propongono come contorno per pietanze di cane o pesce.

10) Dolci: da provare assolutamente sono il Fondant au chocolat (nella foto) e il Moelleux au chocolat.

3 DIFFERENZE tra Francia e Italia

Differenze tra Francia e Italia

1) Forma di cortesia: come forma di cortesia nel parlare, gli italiani usano la terza persona singolare. Il “lei” è utilizzato negli ambiti formali. In Francia si usa il “voi” quasi sempre, mentre ci si dà del tu solo nelle relazioni sociali di tutti i giorni tra due persone che si conoscono bene.

2) La gestualità: gli italiani sono noti per essere conviviali, espressivi e vivaci nel modo di esprimersi, spesso accompagnato da un grande rinforzo gestuale. Un’espressività simile si può trovare anche in certe regioni della Francia, ma in generale i francesi sono inizialmente meno espansivi con gli sconosciuti, soprattutto nelle grandi città.

3) Il bacio sulle guance: pratica molto diffusa nella cultura francese. Accompagna i saluti di incontro e di commiato: per esempio tra due persone della stessa famiglia o anche tra colleghi di lavoro. In Italia, invece, tende a essere usato solo tra persone piuttosto intime. Inoltre quando gli italiani si scambiano baci sulle guance, iniziano sempre dalla guancia sinistra, a differenza dei loro vicini francesi che tendono a iniziare dalla destra.

Cosa è VIETATO in Francia

Cos'è vietato in Scozia

– L’alcol può essere venduto (a) e consumato (da) chi ha compiuto la maggiore età (18 anni). Nei locali, è vietato servire bevande alcoliche ai minori di 16 anni, pur essendo accompagnati dai genitori.

Vietato urinare in luoghi pubblici, pena una sanzione di circa 70 euro.

Il divieto di fumo è valido in tutti i luoghi pubblici (bar, caffè, ristoranti, alberghi, discoteche, ecc.).

Vietato l’esposizione di simboli religiosi in tutti gli uffici pubblici e alle donne musulmane è vietato portare il velo in pubblico, così come i cristiani non possono indossare catenine con il crocifisso. 

Il SISTEMA SCOLASTICO francese

L’istruzione in Francia è obbligatoria dai 6 fino a 16 anni. Una prima differenza rispetto all’Italia riguarda il calendario delle vacanze, distribuite in modo omogeneo su tutta la durata dell’anno. Niente vacanze estive da un mese intero, ma in compenso sono disponibili 1 o 2 settimane di vacanze ad intervalli di 6 o 7 settimane di scuola.

La scuola elementare francese si inizia all’età di sei anni e ne dura cinque, come in Italia.
La scuola media (Collège) si inizia all’età di 11 anni e ne dura quattro.
La scuola superiore (Lycée) si inizia all’età di 16 anni e ne dura tre.

Per quanto riguarda i tipi di scuola esistono principalmente tre percorsi, tutti identificati con il termine “Lycée”.

Lycée Général: corrisponde indicativamente al nostro liceo e prevede tre indirizzi: lo scientifico, il classico e l’economico-sociale. I tre indirizzi si trovano sempre in un’unica struttura, quella del Lycée Général appunto.

Lycée Technologique: corrisponde in linea di massima ai nostri istituti tecnici. I rami sono moltissimi: industria dello sviluppo sostenibile (informatica, architettura, energia e ambiente ecc), disegno industriale, tecniche di laboratorio (chimica, biochimica, fisica ecc), tecniche socio-sanitarie, tecniche di gestione (marketing, comunicazione, contabilità ecc), tecniche della musica e della danza, agronomia, settore alberghiero.

Lycée professionnel: corrisponde genericamente alla nostra scuola professionale. È l’opzione di chi intende specializzarsi in una professione e iniziare a lavorare il prima possibile. Consente infatti di sostenere il CAP all’età di 16 anni (età fino alla quale è prevista l’istruzione dell’obbligo), un certificato con il quale si può smettere di studiare prima di fare l’esame di maturità a 18 anni. In queste scuole gli studenti sono spesso impegnati in stage utili per conoscere il mondo del lavoro.

13 POSTI IMPERDIBILI in Francia

POSTI IMPERDIBILI in Francia

1) Les falaises d’Etretat: si tratta di spettacolari scogliere di gesso a strapiombo sul mare: il modo migliore per esplorarle è camminare sulla spiaggia ai loro piedi durante la bassa marea.

2) Le spiagge del D-Day: le spiagge dello sbarco in Normandia hanno un’incredibile valore storico ed educativo. Sword Beach, Omaha Beach, Utah Beach, Juno Beach e Gold Beach sono i luoghi in cui le forze degli Alleati approdarono, ribaltando gli esiti della Seconda Guerra Mondiale.

3) Il mercatino di Natale a Strasburgo: la cattedrale di Notre Dame di Strasburgo, definita “Capitale europea del Natale”, viene illuminata e decorata in questo periodo con un tripudio di luci e colori. Un ambiente magico che si popola di chioschi di prodotti artigianali, pervasi dal profumo di vino speziato.

4) La Duna di Pilat: è la più alta duna d’Europa da cui si gode la vista sull’Oceano Atlantico, la Baia di Arcachon e la fitta foresta di pini.

5) Le Gole del Verdon: uno dei canyon più incredibili d’Europa, questo luogo è tanto incantevole quanto popolare, attirando ogni anno numerosi turisti. Spettacolari gole create naturalmente dal fiume Verdon, circondate da una rigogliosa vegetazione.

6) La città vecchia di Dinan: un posto suggestivo fatto di vie strette, lastricate in pietra, su cui si affacciano piccole gallerie d’arte e negozi di artigianato.

7) Chamonix: una località montana famosissima da cui si gode la bellezza maestosa delle Alpi francesi.

8) Carcassonne: un luogo da visitare assolutamente: una città medievale fortificata da bastioni, incredibilmente affascinante.

9) Disneyland Paris: a 32 km da Parigi, si tratta del complesso di parchi di divertimento più famoso al mondo che vale assolutamente una visita.

10) Reggia di Versailles: poco distante da Parigi, è il complesso reale del 1600 più maestoso della nazione, voluto dal Re Sole, Luigi XIV

11) Villaggio di Turckheim: uno dei luoghi più caratteristici dell’Alsazia, con case a graticcio e colorate con tonalità pastello, un posto fiabesco e quasi surreale

12) Il Golfo di Marsiglia e il Castello d’If: il Castello reso celebre dal romanzo di Dumas, Il conte di Montecristo

13) Castello di Ussé e Castelli della Loira: si tratta del luogo in cui venne scritta e ambientata la favola della Bella Addormentata nel bosco. Nella stessa regione si possono ammirare tanti altri antichi e suggestivi castelli.

Vacanze Studio e Anno all'Estero in Francia: in College o in Famiglia?

Migliaia di studenti universitari o delle scuole superiori (soprattutto quelli che partecipano al Bando ITACA di INPS) scelgono ogni anno di dormire presso un college (per via delle tante strutture e attività extra disponibili) oppure farsi ospitare da una famiglia locale, nella massima sicurezza e comodità.

Contatta i nostri Tour Specialist, sapranno ascoltarti al meglio e suggerirti la sistemazione migliore per rispondere alle tue esigenze e preferenze specifiche, per farti vivere il periodo di studio in Francia al massimo delle tue potenzialità.

Inserisci i tuoi dati per ricevere il Catalogo Vacanze Studio e Corsi di Lingua 2023

Form viaggi studio - richiedi catalogo