Il Viaggio oltre il mainstream
Guida definitiva per godersi al massimo una vacanza lontana dai genitori, in sicurezza e senza ansia.
Per genitori e figli
Quello che tutti sanno ma nessuno osa dire sulle vacanze studio e summer camp lontani da casa… più i consigli a cuore aperto degli esperti.
Vacanze studio e Summer Camp

sono esperienze meravigliose e di grande crescita individuale…

ma si tratta pur sempre di un viaggio e viaggiare comporta allontanarsi, seppure per poco tempo, dalla nostra zona di confort e dalle nostre abitudini.

Durante una vacanza non avremo mai le stesse identiche comodità che abbiamo a casa, le stesse routine, la cucina della mamma, la nostra camera, il nostro bagno, i nostri tempi…

Soprattutto se è la prima volta che viaggi senza genitori, questa mini-guida sarà come avere un amico fidato al tuo fianco e a supporto dei  tuoi genitori a casa.


Quali piccoli disagi possono accadere?

Sono di varia natura ma, dopo 40 anni passati ad organizzare vacanze studio, i nostri responsabili sono in grado di gestirli praticamente tutti sul posto e in pochi minuti, evitando qualunque tipo di imbarazzo dei ragazzi e senza preoccupare inutilmente i genitori a casa. Ecco i più frequenti:

  • Ho bisogno di biancheria pulita
  • Ho bisogno della carta igienica
  • C’è qualche compagno di viaggio con cui non vado d’accordo
  • C’è qualcosa nel programma della giornata che non mi è chiaro
  • Ho difficoltà ad adattarmi alla cucina
  • Mi occorre comprare lo spazzolino da denti che ho dimenticato a casa
  • Ho dimenticato l’adattatore o il caricabatterie (specie all’estero)
  • Lo scarico del bagno non funziona
  • Ho bisogno di più tempo per la toilette (soprattutto il giorno delle escursioni)
Come devo comportarmi se c’è un problema?

🛑 Mi dispero e mi chiudo? No, perché se c’è qualcosa che non va è giusto fare del nostro meglio per affrontarlo e risolverlo, velocemente e senza far preoccupare per niente i genitori a casa

🛑 Chiamo casa? No, perché un genitore da lontano c’è poco che possa fare… se non quello che puoi fare subito già tu sul posto, ovvero

✅ Chiedo a chi può aiutarmi rapidamente: IL MIO GROUP LEADER!

Tutte le richieste hanno un’urgenza diversa ma vengono soddisfatte nel minor tempo possibile, specialmente se fatte subito a chi può direttamente e materialmente darci una mano.

I nostri accompagnatori sono lì apposta per supportare bambini e ragazzi nei piccoli inconvenienti che possono capitare: non bisogna essere timidi ma avanzare la nostra richiesta… avendo solo un po’ di pazienza nell’attesa della risoluzione:

SONO LE PERSONE PIÙ VICINE A NOI CHE POSSONO DAVVERO DARCI UNA MANO.

E i genitori a casa… cosa devono fare?

Come possono vivere al meglio l’esperienza dei loro ragazzi?

Come possono reagire a eventuali disagi o richieste di supporto dei figli?

Dopo aver ascoltato la richiesta e aver fatto insieme opportune valutazioni suggeriamo di invitare i figli a rivolgersi sempre al proprio group leader o referente in struttura per una risoluzione quanto più celere della problematica.

Se riteniamo che occorra il nostro intervento o nostro figlio si mostra particolarmente timido per poter avanzare la richiesta possiamo contattare il responsabile al family phone.

Il responsabile che risponde, essendo presente in struttura, è concretamente la persona che più velocemente può intervenire per una pronta risoluzione della richiesta.

Quando contattare l’assistenza clienti TS?

Dopo che tuo figlio ha parlato con il group leader di riferimento, dimostrando maturità e autonomia, nel 99% dei casi il problema viene risolto direttamente sul posto, con un bel sorriso da parte di tutti.

Potrebbero esserci rare situazioni in cui è necessario contattare anche l’assistenza clienti Tourservice in sede e, in questo caso, è occorre considerare che

  1. se è una richiesta che si sta avanzando in quel momento, per chi risponde al telefono si tratta di una raccolta di informazioni che sarà poi trasmessa all’ufficio preposto che si metterà in contatto con il responsabile struttura presente in loco
  2. se la richiesta è stata già fatta può essere una sollecitazione e plausibilmente si è già in attesa di un riscontro e si sta già lavorando per una risoluzione

Ricordati sempre che il nostro staff in struttura lavora dal primo all’ultimo giorno per garantire il sereno svolgimento del soggiorno e il benessere dei nostri ragazzi: non abbiamo altre priorità se non questa.

Viaggiare può voler dire che…
  • un treno fa ritardo
  • un volo viene cancellato
  • ci si deve svegliare molto presto per recarsi prima in stazione / in aeroporto
  • un bagaglio può non arrivare contestualmente allo sbarco dei passeggeri


Partire in gruppo comporta anche vivere situazioni mai provate come:

  • condividere gli spazi con nuovi compagni di viaggio
  • avere tempi più stretti per la doccia o wc
  • fare escursioni per visitare posti nuovi e stare in giro diverse ore
  • avere orari molto diversi dal solito
  • mangiare pietanze nuove che probabilmente non rientrano tra quelle preferite
  • esercitare la nostra capacità di adattamento alle situazioni nuove
  • fare attività fuori dall’ordinario (che, sulla carta, potrebbero anche non entusiasmare… ma spesso si rivelano come le più divertenti).
… ma dopo 40 anni e 120.000 famiglie

siamo certi che questa piccola rinuncia alla nostra zona di confort è proprio quello che ha permesso ai ragazzi che sono partiti con noi di portare a casa in regalo i ricordi più belli e le esperienze che li hanno fatti crescere e formare.

 

Detto in altre parole…

Bando INPS Corsi di Lingua in Italia

Le GRADUATORIE inpsieme stanno per uscire...

Attiva gratis il servizio
"notifiche prioritarie"