STUDIARE IN AMERICA
GUIDA DEFINITIVA AGLI USA

Anno di studio all’estero? Sì, ma non solo.

Erasmus + è il programma dell’Unione Europea che r

Indice dei Contenuti

Importi delle Borse di Studio per il programma Erasmus della UE
I temi chiave di Erasmus +: inclusione sociale, sostenibilità ambientale e digitalizzazione

Curiosità sugli Stati Uniti

• Originariamente la capitale degli Stati Uniti era New York City: la città è stata la prima capitale degli Usa, dal 1785 al 1790.

 

• Ogni giorno negli Stati Uniti vengono serviti più di 40 ettari di pizza. Nonostante si pensi che gli hamburger siano il piatto più consumato in negli Usa, un sondaggio condotto dall’American Customer Satisfaction Index ha rivelato infatti che gli americani tendono a preferire la pizza al panino con carne e salse.

 

• La bandiera americana è stata disegnata da uno studente delle superiori. E’ stato il liceale 17enne Robert G. Heft a l’attuale bandiera americana a 50 stelle nel 1958 come progetto scolastico durante il suo ultimo anno al liceo. La cosa ancora più curiosa è che il ragazzo ottenne una B come voto del suo progetto, ma Stanley Pratt, il suo insegnante, gli promise che il suo voto sarebbe stato riconsiderato se il Congresso degli Stati Uniti avesse approvato il progetto per la bandiera.

 

• Non esiste una lingua ufficiale: negli Usa a livello federale non esiste un vero e proprio idioma ufficiale, anche se la lingua nazionale è l’inglese. Lo spagnolo è, invece, la seconda lingua più comune nel Paese ed è anche la seconda lingua più insegnata.

 

• Un americano su 8 lavora da McDonald’s: la catena di fast food è tra i maggiori datori di lavoro nel Paese e si ritiene che 1 americano su 8 abbia lavorato – o lavorerà – presso McDonald’s ad un certo punto della sua vita. Una probabilità talmente alta che spiega anche il fatto che molte celebrità abbiano lavorato per McDonald’s prima di diventare famose.

 

• Il colore originale della Statua della Libertà è il rosso. Come noto, quello che è diventato il simbolo degli Usa arrivò a New York da Parigi. Quello che non tutti sanno è che il suo colore era diverso, dal momento che rifletteva il suo materiale principale, ovvero il rame. A modificare l’aspetto del monumento sono stati i cambiamenti climatici e in particolare l’inquinamento atmosferico che l’hanno reso del colore attuale.

 

• L’80% del territorio nello Stato del Nevada è di proprietà del governo. Si tratta di terre riservate a rifugi faunistici, foreste, aree selvagge, monumenti e parchi nazionali.

 

• Gli Stati Uniti utilizzano il 18% dell’energia mondiale: i dati fanno riferimento al 2014, quando il consumo mondiale totale di energia era di 539 quadrilioni di BTU (British Thermal Unit – unità di misura dell’energia). Gli Stati Uniti avevano consumato circa 98 quadrilioni di BTU, ovvero circa il 18% del consumo totale di energia nel mondo.

 

• Il One World Trade Center (noto anche come Freedom Tower, Torre della Libertà) è l’edificio più altro degli Stati Uniti, con i suoi 1776 piedi, pari a 541 m e 33 centimetri. Il numero 1776 non è casuale: è stato scelto poiché rappresenta l’anno della Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti. È dotato di 94 piani di cui 75 usufruibili.

 

• Nel Montana ci sono 3 volte più mucche quante sono le persone.

 

• Circa 35 milioni di americani condividono il DNA con almeno una delle 102 persone che sono arrivate sul Mayflower nel 1620.

• La Virginia è lo stato che ha dato i natali al maggior numero di presidenti americani. Qui sono nati George Washington, William Henry Harrison, Woodrow Wilson, Thomas Jefferson, James Monroe, John Tyler, Zachary Taylor e James Madison.

• Halloween è la seconda festa più commerciale negli Stati Uniti. Ogni anno per questa ricorrenza gli americani spendono quasi 7 miliardi di dollari per caramelle, costumi, maschere e feste.

 

• Nella città di Utqiaġvik in Alaska il sole tramonta il 18 novembre e sorge il 23 gennaio. In questo periodo c’è il buio totale per 67 giorni.

 

• La Casa Bianca ha un valore stimato di 337.454.214,37 euro.

 

• Gli americani spendono circa 65 miliardi di dollari all’anno in bibite gassate.

 

• Lo stato della California ha rilasciato 6 patenti di guida a persone che si chiamano Gesù Cristo.

 

Posti imperdibili da vedere negli USA

LA STATUA DELLA LIBERTA’

E’ il simbolo degli Usa e vederla da vicino è un’esperienza da vivere almeno una volta nella vita.

NEW YORK

E’ la città che tutti hanno in mente quando programmano un viaggio negli Stati Uniti.  Impossibile elencare tutte le attrazioni di una metropoli che resta nel cuore di chiunque la visiti. Sicuramente una visita è imprescindibile. Andarci per le feste di Natale, poi, significa vivere un’esperienza da film!

GRAND CANYON PARK

Location affascinante e misteriosa come i dubbi legati alla sua creazione, l’attrazione made in USA per eccellenza. Il parco offre diversi punti panoramici in cui fermarsi ad ammirare scenari assolutamente unici e indimenticabili.

GOLDEN GATE

E’ il simbolo di San Francisco e uno dei ponti più famosi del mondo. Bello sia da ammirare e fotografare da lontano, ma anche da percorrere a piedi o in bicicletta, per ammirare la baia di San Francisco.

MOMA

E’ il museo di arte moderna di New York. Assolutamente da visitare, sia per appassionati che per neofiti perché ospita opere imperdibili: dai primi videogiochi alla Pop Art, dalle sculture più insolite a Van Gogh. Insomma, un luogo che affascina tutti.

NEW ORLEANS

Città della Louisiana sul fiume Mississipi, è nota per la frizzante e ininterrotta vita notturna e per la musica jazz che risuona per le strade. Oltre che per la sua cucina speziata, risultato dell’unione tra le culture francese, africana e americana. Lo spirito della città è ben rappresentato dal Carnevale (Mardi Gras), che si tiene alla fine dell’inverno, con le sue chiassose sfilate in costume e la festa per strada. Non manca un alone di mistero dato dal suo legame con il Voodoo.

MONTE RUSHMORE

Rappresentato in tanti film americani, il Monte Rushmore merita assolutamente una visita. Sulla pietra sono scolpiti i volti di Washington, Jefferson, Roosevelt e Lincoln. Ai loro piedi da non perdere il bellissimo parco dove fare piacevoli passeggiate immersi nella natura.

 

WALK OF FAME

Altro luogo unico e al mondo e ricco di fascino è la Walk of Fame, dove potrai ammirare le impronte dei grandi di Hollywood. E’ un percorso di due lunghi marciapiedi sulla collina di Hollywood, a Los Angeles. Lungo il percorso sono incastonate 2730 stelle in ottone con i nomi di celebrità onorate per il loro contributo allo star system americano e non solo.

LA CASA BIANCA

E’ la residenza ufficiale del Presidente degli Stati Uniti e la sede della presidenza stessa a Washington. E’ stata la casa di ogni presidente Usa da John Adams in poi.

Le cascate del Niagara, situate nel nord-est dell’America settentrionale, tra gli USA e il Canada, sono per la loro vastità tra i più famosi salti d’acqua del mondo.

CASCATE DEL NIAGARA

Situate tra gli Usa e il Canada, per la loro vastità sono tra le cascate più famose del mondo. Uno spettacolo imperdibile da ammirare almeno una volta nella vita.

 

PARCO NAZIONALE DI YELLOWSTONE

Forse il più famoso tra i numerosi parchi naturali deli Stati Uniti, assolutamente imperdibile. E’ un’area di circa 9mila Km quadrati, in gran parte nel Wyoming, anche se si estende in parti di Montana e Idaho. E’ caratterizzato da canyon mozzafiato, fiumi alpini, foreste rigogliose, sorgenti termali e geyser attivi, compreso il più famoso, Old Faithful. È anche sede di centinaia di specie animali, tra cui orsi, lupi, bisonti, alci e antilopi.

Monument Valley

E’ la protagonista dei grandi film western, una distesa di terra rossa e indiani. Si tratta di una pianura desertica al confine tra Utah e Arizona, punteggiata da guglie rocciose celebri in tutto il mondo come icona del West. Nella Monument Valley vive ancora oggi una tribù di nativi americani navajo che gestisce la riserva (con ingresso a pagamento).

Las Vegas

Un posto unico al mondo, un’oasi di lusso ed eccessi in mezzo al nulla del deserto. Con i suoi casinò aperti 24 ore su 24, davvero merita di essere visitata una volta nella vita.

Universal Studios Hollywood

Una meta divertente alla scoperta di attrazioni legate al mondo del cinema. Un parco divertimenti a tema sul mondo del cinema e della televisione dove i visitatori si troveranno immersi negli storici studi cinematografici di Hollywood.

 
Quali livelli di lingua devo avere per accedere all'Erasmus?

5 differenze tra Italia e Stati Uniti

I prezzi

Fate attenzione quando vi trovate in un negozio e dovete comprare qualsiasi cosa: il prezzo esposto, infatti, non è quello finale che vi troverete a pagare. A tutti i prezzi vanno aggiunte le tasse in un secondo momento. Tasse che sono diverse in ogni Stato…

Le date

Mentre noi siamo abituati a scrivere le date numeriche in giorno/mese/anno, in America bisogna fare attenzione: il mese, infatti, va sempre scritto per primo.

Le ore

A differenza dell’Italia, in America le ore vengono espresse solo in base 12. Il formato a 24 ore negli Usa viene utilizzato solo dai militari, dunque se date appuntamento a una persona alle 21.00 questa potrebbe non capire che vi state riferendo alle 9 di sera…

Le unità di misura

Negli Usa non esiste un’unità di misura unica. Possono venire utilizzate le miglia così come i piedi e le iarde. Questo vale per le distanze, ma anche per qualsiasi altra misura, dai litri ai galloni.

Le mance

Dare la mancia in America non è una dimostrazione di apprezzamento per il servizio ricevuto, ma un vero e proprio obbligo. I camerieri, infatti, basano la maggior parte del loro stipendio sulle mance ricevute. Buona norma vuole che si dia il 15% dell’importo come mancia ai camerieri. Ovviamente se volete dare in più sarete solo apprezzati!

 

I piatti tipici Americani

Data la vastità del suo territorio e la molteplicità di etnie presenti sul suolo statunitense è praticamente impossibile parlare di una vera e propria tradizione culinaria. La cucina americana è più un insieme di tante tradizioni che si intrecciano fino a creare ricette e piatti conosciuti in tutti gli Stati Uniti.

L’immagine iconica che abbiamo della cucina Usa è quella che è stata diffusa da film e serie tv, fatta di cibi fritti, fast food, hamburger pieni di salse e molto calorici o cibi in scatola e surgelati pronti all’uso. Indubbiamente c’è molto di vero, ma non mancano anche vere specialità gastronomiche di questo territorio così vasto. 

A differenza di quanto avviene in Italia, la colazione è il pasto principale e più abbondante della giornata, mentre il pranzo si riduce a un veloce snack. La colazione americana è costituita sia da cibi dolci che salati, accompagnati da bevande calde o fredde: il classico caffè lungo americano è servito insieme a spremute d’arancia o latte freddo, mentre il cibo vero e proprio è costituito da cereali, uova, bacon, muffin, pancake e waffle con sciroppo d’acero e donut.

 

BBQ ribs

Il barbecue negli Stati Uniti è un vero e proprio rito per ogni famiglia, soprattutto nelle occasioni importanti. Viene preparato scegliendo tra moltissimi diversi tagli di carne, ma in ogni barbecue che si rispetti non possono mancare le costolette di maiale (le famosissime bbq ribs) marinate per un giorno intero e condite con salsa barbecue. Cotte lentamente e a basse temperature, diventano così morbide e saporite da sciogliersi in bocca.

New York Cheesecake

E’ il dolce tipico della tradizione statunitense: viene preparato con una base croccante fatta di biscotti tritati e burro fuso, ricoperta da una crema di formaggio spalmabile con panna acida, vaniglia e zucchero a velo. Ottimo come dessert o merenda.

Tacchino del Thanksgiving (Giorno del Ringraziamento)

Ogni famiglia ha la sua ricetta personale, ma generalmente viene farcito con spezie varie, funghi, castagne, carne di maiale, prugne secche, mirtilli, uova, noci e pangrattato. 

Bagel

Si tratta di un piatto salato, una ciambella di pane che viene farcita con ingredienti diversi, come salmone affumicato e formaggio spalmabile o prosciutto e uova. Solitamente viene consumato a colazione o per un pranzo veloce in ufficio. Nella sua versione dolce viene farcito con marmellata o burro e cioccolata.

Apple pie

Realizzata con un involucro di pasta sfoglia farcito con mele, cannella e zucchero, è la classica torta di mele che vediamo spesso nei film. Può essere servito sia come dessert che a colazione o a merenda.

Tacos

 

Sono le tipiche tortillas di mais farcite della tradizione messicana che tanto ha fatto sentire la sua influenza su alcuni territori Usa, come ad esempio Los Angeles. Le tortillas vengono riempite dagli ingredienti più disparati: carne, cipolla, peperoni e salsa piccante nella versione più classica, oppure nelle sue varianti con pesce o completamente vegetariane.

Corn Dogs

Tipico cibo dello street food americano, il Corn Dogs è costituito da un würstel infilzato su un lungo spiedino, avvolto dentro una pastella e fritto. Solitamente viene servito con ketchup e maionese e patatine fritte. Dall’apporto calorico non indifferente, è uno snack molto saporito e sfizioso.

Chili Cheese Dog

E’ la versione più golosa del classico Hot Dog. Come dice anche il nome, il Chili Cheese Dog è ricoperto di formaggio e Chili, una ricetta di origini messicane che comprende carne di manzo e di maiale, fagioli, cipolla, peperone e spezie varie.

Mac and Cheese

Di sicuro vi farà inorridire se paragonata alla pasta italiana, ma almeno una volta è da provare, quanto meno perché citata spesso in numerose serie televisive americane. Si tratta di un piatto di pasta preferibilmente corta, ricoperta da formaggi fusi di vario tipo…

 

 

Drop biscuits e Sausage Gravy

Anche se il nome può trarre in inganno, non si tratta di biscotti dolci, ma di un tipo di pane simile a focaccine, guarnito con salsa a base di salsiccia. 

Clam Chowder (zuppa di vongole) 

Piatto tipico di Boston, la si trova praticamente ovunque. Le vongole sono amalgamate con patate, maiale salato, panna ed erbe. Un mix a prima vista non tanto invitante, ma dal sapore unico.

Deep Dish Pizza

Chiamarla pizza è difficile, anche se l’aspetto la ricorda molto. Si tratta di un impasto dai bordi molto alti e burrosi riempito di formaggio, salsa di pomodoro e altri condimenti a piacimento. Poi viene cotto in una piastra tonda di circa 30 cm di diametro e alta 5 cm. 

 
Erasmus Plus: costi e importi delle borsa di studio

Il sistema scolastico americano (differenze Italia-USA)

Comprende il cosiddetto K-12, il periodo di 12 anni che dalle elementari si conclude con il diploma americano.

 

 

Dopo la elementary school (percorso di 5 anni, dai 6 agli 11 anni di età) e la Middle school (percorso di 3 anni, dagli 11 ai 14 anni di età), corrispondenti più o meno alle nostre elementari e medie, il percorso di studi prosegue con la High School (scuola superiore). Le scuole superiori americane durano quattro anni: 9th grade (14-15 anni) noto come Freshman, 10th grade (15-16 anni), il cosiddetto Sophomore, 11th grade (16-17 anni) o Junior, 12th grade (17-18 anni) o Senior.

Nelle High Schools americane gli studenti devono seguire alcune materie obbligatorie (inglese, matematica, storia, scienze sociali ed educazione fisica) e altre a scelta, con cui personalizzano il proprio piano di studi, come primo aiuto, sessualità, lingua straniera, anatomia o nutrizione. A scuola poi è anche possibile frequentare attività extrascolastiche che in molti casi influiscono sulla votazione finale. Tra queste primeggiano soprattutto le discipline sportive.

 

Nelle scuole superiori sono previste delle classi “honors”, riservate agli studenti più motivati o talentuosi. Infatti, in questi istituti la qualità della formazione è decisamente più alta, così come più alti sono gli obiettivi prefissati dagli insegnanti, oltre che dagli stessi studenti.

A proposito delle classi “honors”, nelle High School ci sono multiple variazioni:

• Regular Honors (H): sono le classi avanzate e perciò talvolta chiamate “Advanced“;

• Advanced Placement (AP): un programma negli USA e in Canada in cui sono offerti dei percorsi di studio di livello collegiale;

• International Baccalaureate (IB): un programma biennale per gli studenti tra i 16-19 anni per l’accesso alla higher education, riconosciuto internazionalmente.

I college si frequentano dai 18 ai 23 anni e anche in questo caso si dividono in Freshman Year, Sophomore Year, Junior Year e Senior Year, anno in cui si riceve il Bachelor’s Degree.

 

IL SISTEMA DEI VOTI NELLE SCUOLE AMERICANE

 

in America esistono regole differenti che possono cambiare a seconda dello Stato. A differenza di quanto avviene in Italia, comunque, dove i voti vengono generalmente espressi in forma numerica, il sistema scolastico americano prevede votazioni che si basano sulle lettere dell’alfabeto, dalla A alla F. 

Per essere promossi e passare all’anno successivo gli studenti devono aver conseguito almeno una D in tutte le materie mentre al college e all’università bisogna aver ottenuto almeno una C in ogni disciplina.

Le verifiche non avvengono con un colloquio orale ma mediante dei test scritti,  esami alla fine di ogni semestre o compiti assegnati quotidianamente e progetti particolari.

 

CALENDARIO SCOLASTICO

 

L’anno scolastico dura circa 9 mesi: di solito la scuola comincia a inizio settembre e si conclude a giugno. L’anno è diviso in due semestri che prendono il nome di term e in quattro bimestri che vengono chiamati quarter. 

Gli studenti vanno a scuola dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 15.30 circa. Ogni lezione dura cinquanta minuti e tra una lezione e l’altra sono previste delle brevi pause per permettere agli alunni di raggiungere la classe in cui si terrà quella successiva. Dopo la pausa pranzo nel pomeriggio gli studenti possono dedicarsi alle attività extracurriculari, come quelle sportive.

 

Le vacanze scolastiche sono il giorno del Ringraziamento (Thanksgiving) che si festeggia l’ultimo giovedì di novembre e nelle due settimane del periodo natalizio. Un altro periodo di vacanze è previsto sia nella stagione autunnale sia in quella primaverile e di solito cade a metà semestre.  

 

PUNTI DI FORZA DEL SISTEMA SCOLASTICO USA

Il sistema scolastico americano concede agli studenti una maggiore indipendenza e autonomia soprattutto per quanto riguarda le materie da seguire. Ogni studente può avere un assistente (denominato counselor) che può indirizzarli verso il percorso migliore in base alle proprie idee sul futuro lavorativo.

Il metodo di apprendimento non si base su lezioni frontali, come avviene in Italia, ma su una larga partecipazione degli studenti che discutono e si confrontano sulle varie tematiche affrontate in classe. La scuola è molto vicina al mondo del lavoro e gli studenti americani si avvicinano prima degli italiani alla vita professionale.

 
Dove conviene andare in Erasmus per spendere poco?

Vuoi stare in College o in Famiglia mentre studi in America?

Migliaia di studenti universitari o delle scuole superiori (soprattutto quelli che partecipano al Bando ITACA di INPS) scelgono ogni anno di dormire presso un college (per via delle tante strutture e attività extra disponibili) oppure farsi ospitare da una famiglia locale, nella massima sicurezza e comodità.

Contatta i nostri Tour Specialist, sapranno ascoltarti al meglio e suggerirti la sistemazione migliore per rispondere alle tue esigenze e preferenze specifiche, per farti vivere i mesi di Erasmus Plus al massimo delle tue potenzialità.

Ehi, vuoi ricevere la Guida gratuita ai Bandi Estate INPSieme 2023?

Bandi Estate INPSieme 2023!